La trama delle donne – A Villa Arbusto, tra mito e archeologia, un’Odissea al femminile.  

luglio 22, 2015  //Cultura, L'Isola//No comments

Il 20 settembre, alle ore 21.00, nell’ambito del cartellone di eventi “Incontri nel verde”, avrà luogo presso il Museo Archeologico di Villa Arbusto “La trama delle donne”, un’installazione teatrale di Salvatore Ronga, a conclusione della visita guidata a cura dell’archeologa Mariangela Catuogno.

Gli interpreti della performance sono Marina Ascione, Daniele Boccanfuso, Milena Cassano, Giovangiuseppe D’Ambra, Rosanna Nocera, Roberto Scotto Pagliara e Laura Sogliuzzo. Le musiche di scena sono composizioni originali di Daniele Ubjk.

La visita guidata vuole essere un nuovo modo di presentare i reperti archeologici scavati da Giorgio Buchner sul territorio isolano: al racconto della scoperta dell’antica Pithekoussai, di quello che ha significato l’insediamento isolano per i commerci greci con l’Occidente e per l’evoluzione culturale delle genti italiche, verrà associata anche una lettura sociologica dei corredi tombali della necropoli di S. Montano con una particolare attenzione alla sfera del mondo femminile. L’antica Pithekoussai, sebbene si trovasse geograficamente lontana dalla madrepatria, aveva nel suo DNA l’ambizione di trasferire la propria grecità sull’isola e presso le genti della penisola italiana, soprattutto attraverso la ostentazione di beni di lusso, usanze, riti e l’uso della scrittura.

La visita ha l’obiettivo di offrire al visitatore i molteplici aspetti dell’universo femminile coloniale pithecusano che è espressione di una società aperta, caratterizzata anche da matrimoni misti, naturale cornice a quello che sarà evocato dalla successiva installazione teatrale che rappresenterà il mito di Elena e Penelope in chiave rivisitata: sarà l’animo femminile delle due eroine a essere il protagonista.

La tradizione classica, infatti, ci ha consegnato innumerevoli figure femminili, archetipi di un mondo distante nel tempo, ma che rivive nelle pagine della letteratura, nelle opere di pittura e di scultura, nei canti e nelle melodie di estrazione colta o popolare.

Nell’Odissea omerica, che costituisce il cardine intorno al quale si sedimentano i segni di quella che l’immaginario collettivo riconosce come l’origine della nostra civiltà occidentale, il viaggio di Ulisse è costellato di donne. Sono donne raccontate da uomini, riguardate cioè attraverso il filtro delle convenzioni sociali e culturali dell’epoca che le vide nascere.

L’installazione teatrale si sviluppa lungo percorsi che somigliano ai fili di una trama sulla quale esercitare la fantasia e l’immaginazione per la tessitura di nuove storie: la finzione della messinscena propone per le protagoniste del mito la verità di una voce contemporanea che risuoni per contrasto o in assonanza con i versi del poema omerico.

Elena e Penelope sono, in apparenza, figure antitetiche. Al filo che sospende la donna più bella del mondo a un albero sull’isola di Rodi si sovrappone il filo del telaio sorvegliato a Itaca dalla sposa fedele. All’Odissea del giovane Telemaco che diventa uomo e di Ulisse che torna a casa dopo anni di guerra e di mare, si contrappone quella più intima di Elena e Penelope che dismettono le vesti di figure stereotipate per raccontare finalmente se stesse.

 

L’ingresso è gratuito, ma occorre prenotarsi inviando una mail a museovillaarbusto@gmail.com oppure telefonando al numero 081 996103